Home page

Aldo Carpi (Milano 1886-1973)
"Il credente" (autoritratto)

back

Vai alla scheda
Aldo Carpi   (Milano 1886-1973)

Aldo Carpi (Milano 1886-1973)

Titolato “Il credente”.

Autoritratto realizzato dall'artista dopo il ritorno dai lager nazisti di Mathausen e Gusen, da cui si era miracolosamente salvato grazie alle sue capacità di pittore.

Durante la sua drammatica prigionia Aldo Carpi aveva scritto in segreto il suo sconvolgente “Diario di Gusen”,  una lezione di dignità e coraggio, un documento di religiosità profonda, pubblicato nel 1971, in cui racconta la sua impari lotta  per conservarsi «uomo», salvando la propria intelligenza e i suoi valori cristiani in un luogo in cui ogni solidarietà era considerata un crimine.

In virtù di questo libro, corredato dalle testimonianze visive dei disegni fatti nei lager, Carpi è considerato uno dei grandi scrittori cristiani del secolo.

L'autoritratto qui presentato è inedito;  esso, in virtù del titolo apposto dall'autore, e per le ragioni sopra indicate, è destinato ad assumere un posto significativo nel catalogo dell'artista.

Aldo Carpi è stato uno dei più illuminati pittori italiani del Novecento, artista dalla produzione intensa e dal 1919 professore dell'Accademia milanese di Brera, della quale, al ritorno dal lager, fu nominato a furor di popolo Direttore sino 1959;  dalla sua scuola sono usciti i maggiori pittori italiani contemporanei.

Carboncino e sfumino con rialzi in biacca bianca, su cartoncino azzurro.

Misure cm.54 x 44;  condizioni di conservazione perfette.

L’opera è inserita in una cornice dorata, originaria.