Home page

Artista lombardo-veneto del primo ottocento
Giovane gentiluomo nella sua biblioteca

back

Vai alla scheda
Artista lombardo-veneto del primo ottocento

Giovane gentiluomo ritratto nella sua biblioteca, con gli strumenti rappresentativi della sua occupazione intellettuale.  

Il dipinto, databile entro i primi 2 decenni del sec. XIX,  riporta alla tradizione del ritratto che veniva eseguito alla fine del percorso di studi, a testimonianza del loro coronamento e della raggiunta maturità intellettuale del giovane.

Appoggiati sul tavolino vi sono tre libri e un astuccio contenente gli occhiali da lettura (foto di dettaglio n.2), oggetti che, insieme agli altri libri conservati ordinatamente negli scaffali della biblioteca, indicano che il giovane gentiluomo si è addottorato in studi umanistici. 

I caratteri stilistici della composizione riportano alla mano di un artista lombardo di sensibilità veneta,  come suggerisce la definizione quasi esclusivamente coloristica delle forme.

Il ritratto si presenta oggi in perfetto stato di conservazione, dopo un recupero reso necessario dal fatto che il quadro era utilizzato dalla parte del verso, su cui un altro pittore aveva dipinto una Madonna Addolorata di qualità popolare.  

Il dipinto è inserito in una cornice in legno del primo ottocento, con laccatura bicolore verde e ocra (vedi foto di dettaglio n.3).

Olio su tela di cm.79,5 x 58.